fbpx
 

Allarme casa RiscoVideosorveglianza10 Consigli per evitare i furti in casa

3 Marzo 2021by admin0
https://www.synergytechnology.it/wp-content/uploads/2021/03/copertina-furti.jpg

Oggi vorrei darti i miei 10 consigli per evitare i furti in casa.

L’aumento dei furti nelle abitazioni è ormai un dato certo, ed è in continuo aumento, le effrazioni nelle proprietà private sono addirittura più che raddoppiate negli ultimi 10 anni.

Le famiglie italiane che hanno avuto la sfortuna di ricevere la visita di un topo d’appartamento nel 2019 sono state 195.824 (corriere della sera).

Il furto in casa è uno dei reati più odiosi e le abitazioni senza un impianto di allarme o inferriate costituiscono il bersaglio primario.

A dirlo i dati consolidati del ministero degli Interni.

I furti in appartamento non richiedono particolari competenze in termini di scasso, per questo risultano un obiettivo facile anche per un ladro improvvisato o poco esperto.

Nel momento in cui un ladro entra in casa, subisci un grosso shock, in quanto non viene violata solamente la tua abitazione ma anche la tua vita privata.

Oltre ad arrecare danni materiali a porte e finestre, viene intaccata la tua tranquillità e intimità. Per molte persone questo non è facile da superare e può risultare traumatizzante in alcuni casi, lasciando una sensazione di paura constante.

L’attenzione dei malviventi si focalizza soprattutto sulle case indipendenti, sui primi piani e sugli attici che, per motivi logistici, sono i più attaccabili.

Ecco perché la chiave per dormire sonni tranquilli è senza ombra di dubbio installare un buon sistema di allarme.

Decidere di tutelare la tua sicurezza è diventato indispensabile. Ma la verità è che se scegli d’investire nella protezione di te stesso e della tua famiglia, è buona cosa accertarti della qualità dell’impianto di allarme che vuoi installare.

Sì perché, a dispetto di quanto pensano in molti, anche l’installazione degli impianti di allarme casa o dei sistemi di videosorveglianza è soggetta a normative specifiche che ne regolano la progettazione e l’utilizzo.

evitare furti

Se desideri poter contare su un impianto sicuro, realizzato con componenti idonei ed installato a regola d’arte, dovresti rivolgerti ad un professionista.

Per questo motivo, l’installazione di un qualunque impianto di sicurezza dovrebbe essere affidata esclusivamente ad imprese in possesso di determinate abilitazioni, in grado, al termine dei lavori, di rilasciare la dichiarazione di conformità sugli impianti installati.

Il grado di sicurezza che un antifurto può offrirti non si basa solo sul tipo e sulla qualità delle componenti utilizzate, ma per buona parte è il frutto di uno studio attento da parte di qualcuno del mestiere, che sappia individuare nel migliore dei modi i possibili punti di intrusione, tenendo conto delle “criticità” specifiche per ogni abitazione.

Ecco ad esempio alcuni elementi che devono essere necessariamente presi in considerazione se vuoi liberarti dal rischio di essere derubato.

 

I 10 consigli per proteggere casa tua da ladri e scassinatori

1 Scegli una porta di accesso blindata. Un’ottima soluzione per la scelta della porta, è quella di sceglierla di ultima generazione, compatibile con i più moderni sistemi di controllo accessi (impronta digitale, tessera, codice numerico).

2 Installa un sistema di allarme, non solo interno ma anche periferico, per proteggere il perimetro esterno della tua abitazione. Ci sono ottimi sistemi periferici sia per le case indipendenti, che per gli appartamenti.

3 L’allarme periferico deve essere installato in modo che entri in funzione prima che il ladro riesca effettivamente ad accedere all’abitazione, quindi non troppo vicino all’area da proteggere.

4 Un’ottima strategia è quella di posizionare in prossimità dei sensori perimetrali oggetti chedebbano essere spostati per poter accedere all’appartamento. Tale spostamento attiva l’allarme ancora prima che il ladro si possa avvicinare.

5 Ricevi notifiche dello stato dell’allarme direttamente sul tuo smartphone. In modo da avere sempre sotto controllo la situazione della tua abitazione ed essere avvisato in caso di anomalie.

6 Il sistema di allarme, in caso di intrusione, deve entrare in funzione in modo tempestivo e deve avere un impatto acustico notevole in modo da spaventare chi sta compiendo l’atto intrusivo e richiamare l’attenzione dei vicini di casa.

7 Il sistema di allarme deve essere sottoposto a regolare manutenzione; il cattivo funzionamento può determinare non solo la mancata attivazione in caso di intrusione ma anche, qualora suoni spesso e immotivatamente, non essere preso seriamente in considerazione.

8 Installa un sistema di videosorveglianza. È stato provato che le abitazioni dotate di questo tipo di sistema subiscono l’80% di tentati furti in meno rispetto alle case dotate del solo sistema di allarme.

9 Quando parti per le vacanze o se hai necessità di rimanere fuori per alcuni giorni, puoi lasciare una piccola luce accesaper far credere che ci sia qualcuno in casa. Puoi addirittura impostare un timer che accende e spegne la luce in base ad orari preimpostati.

10 Se la tua è un’abitazione indipendente oppure un attico o un primo piano, valuta l’installazione di grate o inferriate. Sono un ottimo deterrente.

Con questo report mi auguro di averti dato degli spunti interessanti per proteggere la tua casa e la tua famiglia dal rischio di un furto.

Per ringraziarti della fiducia che mi hai dato decidendo di scaricarlo e leggerlo, ho deciso di regalarti una “consulenza personalizzata”.

Sarà completamente gratuita e dopo non sarai assolutamente obbligato a compiere alcun acquisto. Ma al termine della consulenza, sarai più consapevole di come liberarti dal rischio di essere derubato.

Se vuoi scoprire la miglior soluzione per proteggere te stesso, la tua casa e la tua famiglia da ladri e scassinatori, CLICCA QUI e compila il form con i tuoi dati! Sarai ricontattato nel minor tempo possibile per fissare la tua consulenza gratuita.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.